Mezzogiorno Produttivo

Impresa

Notizie Impresa dall'Italia, dal mondo, focus su  imprese e associazioni datoriali del Mezzogiorno: Campania, Sicilia, Puglia, Calabria, Abruzzo, Basilicata e Molise

Vota questo articolo
(0 Voti)
Industriali di Napoli, Prezioso designato presidente
La Giunta dell’Unione degli Industriali di Napoli ha designato alla Presidenza dell’Associazione Ambrogio Prezioso. Nato a Napoli nel 1952, laureato in ingegneria civile con il massimo dei voti, quattro figli, Prezioso è alla guida di un gruppo imprenditoriale fortemente impegnato in iniziative di promozione e sviluppo immobiliare, di riqualificazione dei centri storici e di riconversione di aree industriali dismesse, ma attivo anche nel settore delle opere pubbliche. 
Vota questo articolo
(0 Voti)
Kazakhstan, nuova frontiera per le imprese campane
Nuove opportunità di business in Kazakhstan per gli imprenditori campani. L’ambasciatore in Italia del Kazakhstan, Andrian Yelemessov ha presentato presso la sede dell'ente camerale partenopeo le possibilità offerte dal proprio paese, a partire dalla creazione di nuove zone franche, fino alla vivacità del settore energetico, che nel 2017 sarà oggetto di un grande expò. Un mercato, quello kazakho, che conta 170 milioni di consumatori, dopo la realizzazione con Bielorussia e Russia dell’Unione doganale.
Vota questo articolo
(0 Voti)
Credito, Unimpresa: banche in sofferenza per i debiti non rimborsati. Longobardi: “Serve un tavolo permanente”.
I grandi prestiti non rimborsati sono la principale causa della sofferenza del sistema bancario. Ad affermarlo è un’analisi del Centro studi Unimpresa, sulla base di dati forniti dalla Banca d’Italia. A febbraio, su oltre 162 miliardi di euro complessivi di rate non pagate, circa 107 miliardi si riferiscono a finanziamenti di grandi dimensioni - superiori a 500 mila euro -  mentre 54,9 miliardi si riferiscono a crediti minori - da 250 a 500 mila euro. In una platea di oltre 1,2 milioni di clienti, su una ristretta quantità di soggetti - appena 457 - pesano sofferenze per 20,3 miliardi.
Vota questo articolo
(0 Voti)
Unimpresa, Fisco: "con Def batosta da 44 mld"
"Il piano di riforme varato con il Def dal governo porta alla luce una stangata fiscale da oltre 44 miliardi di euro". Lo rileva un’analisi del Centro studi di Unimpresa. "Il programma dell’esecutivo prevede - si legge - maggiori entrate per 3,8 miliardi quest’anno e per altri 6,4 miliardi l’anno prossimo. Inoltre, nel 2016, nel 2017 e nel 2018 sono previsti incassi tributari aggiuntivi rispettivamente per 10,1 miliardi, 11,8 miliardi e 11,8 miliardi. In totale, famiglie e imprese pagheranno tasse in più per 44,09 miliardi nel quinquennio 2013-2018". Secondo il rapporto, infatti, gli interventi del piano nazionale di riforme non sono a costo zero e comportano l’indicazione di cosiddette coperture finanziarie. Le maggiori entrate previste si riferiscono nel dettaglio alle misure per il contenimento della spesa, il lavoro e le pensioni, il sostegno alle imprese.
Vota questo articolo
(0 Voti)
Industriali, piano in tre mosse per rilanciare le Pmi
Internazionalizzazione, accesso più agevole al credito, e sviluppo del sistema del fondo di garanzia per le Pmi. Questa la ricetta in tre punti per rilanciare le Pmi campane, proposta dall'Unione Industriali di Napoli, nell'ambito della presentazione di uno studio che ha analizzato le sette aree industriali della provincia di Napoli, nell'ambito della ricerca ''Aree di sviluppo industriale e nuovi modelli organizzativi'', promossa dall'Unione industriali di Napoli e finanziata dalla Camera di Commercio partenopea.
Vota questo articolo
(0 Voti)
by Damian Brandon
Oltre cinquanta eccellenze dell’ agrofood campano e una selezione di etichette del vino sbarcheranno a Eataly, il tempio mondiale dell'eccellenza enogastonomica italiana a New York a settembre prossimo.      

in Evidenza su Impresa

Trovaci su Facebook

 
HomeImpresa Top of Page

Ultime Notizie

Questo sito utilizza i cookie per consentire una migliore navigazione

Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.