Mezzogiorno Produttivo

Finanza Agevolata e PMI a Napoli

Lug 08 Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

La Finanza Agevolata, prospettive per i professionisti del settore ICT, è il nome del convegno tenutosi a Napoli, il 4 Luglio scorso, presso l'Aula Scipione Bobbio della Facoltà di Ingegneria della Università degli Studi di Napoli, Federico II.

Il convegno ha voluto essere un'introduzione alla tematica della finanza agevolata a favore delle PMI, offrendo una panoramica sulle principali forme di contribuzione esistenti, sulle regole imposte dagli enti finanziatori per l'accesso alle agevolazioni.

Hanno organizzato il seminario:

- il Prof. Ing. Guido Capaldo dell'UNINA;
- l'Ing. Francesco Castagna dell'Ordine Ingegneri Napoli;
- l'Ing. Antimo Angelino, dell'Ordine Ingegneri Napoli; 
- l'Ing. Giuseppe Roselli, dell'Ordine Ingegneri Napoli.

L’evento, tenutosi presso al facoltà di ingegneria di Napoli, ha fornito spunti e riflessioni sulle opportunità connesse alla finanza agevolata.

I Relatori intervenuti al convegno

Numerosi gli spunti di approfondimento e riflessione offerti dai relatori che si sono susseguiti innanzi ad una platea qualificata ed attenta. Tra i relatori segnaliamo:


• il dott. Pierluigi Rippa;
• il dott. Pierluigi Vasquez;
• l'Ing. G. Castellano;
• il Prof. Ing. G. Capaldo;
• il dott. A. Piras;
• l'Ing. G. Pizza;
• l'Ing. R. Settembre;
 

 i temi affrontati nel Convegno del 4 luglio 2014 FINANZA AGEVOLATA e PMI

Gli interventi che si sono susseguiti hanno tratto aspetti diversi del processo di approvvigionamento di capitali da parte delle Piccole e Medie Imprese; partendo dalla finanza aziendale si è arrivato a trattare di finanza agevolata ponendo l'attenzione anche all'iter che va dall'individuazione del bando o sportello di interesse alla presentazione della domanda ed alle fasi di rendicontazione ed erogazione del contributo.

 

Alessio_PirasIntervista ad Alessio Piras, uno dei relatori, 

In particolare, sulla parte inerente l'iter, la relazione del dott. Alessio Piras, ha delineato in maniera chiara i diversi aspetti da tenere in considerazione. Abbiamo voluto intervistarlo alla fine del seminario, nella duplice veste di coordinatore Commissione Finanza e Mercati Finanziari per l'ODCEC di Napoli, ed esperto di finanza agevolata.

Domanda: Dott. Piras, è soddisfatto del convegno? 

Piras: ritengo che, per l'approccio orientato alla formazione ed all'informazione, il coinvolgimento di professionisti con competenze trasversali, l'interesse manifestato da studenti, giovani professionisti ed esperti consulenti, la presenza nella platea di imprenditori, l'obiettivo prefissato, sia stato raggiunto. 

D: un'impresa che volesse accedere a finanziamenti agevolati deve spesso scontrarsi con difficoltà oggettive e soggettive legate alla complessità della materia ed al sistema informativo non sempre calibrato su e per gli imprenditori. Possiamo sinteticamente indicare quali sono gli elementi che un'azienda deve considerare nell'individuare il bando di riferimento? 

Piras: l'impresa che vorrà accedere alle opportunità di finanza agevolata nell'esaminare un bando o sportello dovrà sicuramente fare attenzione a chi è rivolto quello specifico strumento di finanza agevolata, ad esempio le specifiche del soggetto che può richiedere il finanziamento, se si tratta di start-up o di imprese già costituite, se vi sono limiti di categoria merceologica. 

D: Una prima lettura,e poi?

Piras: poi dovrà verificare la coincidenza o meno tra le necessità dell'azienda e ciò che offre il bando/sportello. Mi spiego, se finanzia macchinari, attrezzature, ricerca o quant'altro. Quindi verificare se, rispetto all'investimento progettato dall'impresa, il bando copre in maniera sufficiente le necessità dell'impresa, e, inoltre, l'entità del finanziamento per comprendere al meglio le necessità finanziarie di partenza. Nell'ipotesi, ad esempio, che venga finanziato il 50% dell'investimento a fondo perduto, l'azienda dovrà avere a disposizione capitali o fonti di approvvigionamento almeno la restante parte maggiorata dell'iva.

D: nella fase di rendicontazione solitamente a quali aspetti si deve fare attenzione?

Piras: sicuramente si deve fare attenzione a rispettare quanto stabilito dal bando o dalla circolare attuativa, quanto sottoscritto in fase di accettazione. Nel caso in cui non vi sia chiarezza per alcuni aspetti nei documenti citati, si deve interloquire con il soggetto gestore per avere i necessari chiarimenti in fase preventiva. Ad esempio la necessità di una variazione al progetto va verificata e concordata con il soggetto gestore prima di attuarla.

D: nel caso in cui non sia prevista la possibilità di un'anticipazione al finanziamento l'azienda cosa dovrà fare se non dispone delle risorse finanziare necessarie?

Piras: questa verifica va fatta prima di presentare la richiesta di finanziamento e nel caso in cui l'azienda non disponga delle risorse finanziarie per anticipare i costi dovrà eventualmente verificare la possibilità di avere dei partner bancari che saranno tanto più disponibili quanto migliore sarà il rating dell'azienda.

 

 se vuoi leggere un'altra intervista ad Alessio Piras clicca qui

Seguici su Facebook! Diventa nostro Fan!

Joomla Facebook Like Popup

Pubblicato in Impresa
Devi effettuare il LOGIN/ACCESSO, tramite il modulo in fondo la pagina, per aggiungere COMMENTI. Se non sei già un utente autenticato, devi REGISTRARTI prima tramite lo stesso modulo.

in Evidenza su Impresa

Trovaci su Facebook

 
HomeImpresaFinanza Agevolata e PMI a Napoli Top of Page

Ultime Notizie

Questo sito utilizza i cookie per consentire una migliore navigazione

Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.